Back to top
In stock

Anello Cammeo di fine 800 in Oro Antico

2.200,00

Anello cammeo di fine 800 realizzato in oro antico con Onice incisa a mano raffigurante una donna con un serpente.

SKU: Ref.1504M Categories: , Tags: , , , ,

Chiedi informazioni

Anello Cammeo originario del 1800, realizzato in oro antico e Onice bicolore. L’incisione rappresenta una donna con un mantello somigliante a delle ali che tiene in mano un serpente.
La pietra è incorniciata da un motivo floreale inciso direttamente sull’oro.

  • Dimensioni: 1,81 x 2,26 cm
  • Misura: 23

L’uso dell’intaglio o del cammeo come elemento decorativo del gioiello non è attribuibile a un ben epoca precisa, difatti lo ritroviamo in maniera ricorrente in età diverse. Tuttavia, resta cosa certa che la glittica, ossia l’arte d’incidere gemme o pietre dure, ha origini antichissime.

Per intaglio si intende una pietra incisa in profondità, spesso legata a un concetto di autorità o d’identificazione come nel caso delle pietre utilizzate per i sigilli.
Il cammeo, realizzato sempre tramite l’utilizzo della glittica, è caratterizzato da un’incisione a basso rilevo. Il suo utilizzo in questo caso è prevalentemente ad uso ornamentale, senza fini ufficiali.
I primi esemplari di cammei con ritratti risalgono all’epoca di Alessandro il Grande (332-323 a.C.). La sua più grande diffusione avviene sotto l’impero di Augusto, su pietra sardonica o su pietre semi-preziose come topazi e ametiste. Con il declino dell’impero romano si interruppe la vasta produzione di simili oggetti che riprese solamente nel XV e nel XVI secolo. Proprio nel periodo rinascimentale, grazie alla favorevole situazione economica degli Stati italiani e alla grande espansione commerciale, si riscopre il gusto del periodo classico.
Sin dalla loro nascita, i gioielli con i cammei, a prescindere dal loro utilizzo, hanno sempre esercitato un grande fascino sulle donne quando sugli uomini.
E ancora oggi rappresentano un gioiello moderno dall’allure antica.